Home Page
Argomenti
Dove siamo
Il presidente
Contatti
Accesso Riservato
Il fondatore e presidente del Comitato pro Marzamemi: Aliffi Pasquale
 
DISCORSO DI PASQUALE ALIFFI RIVOLTO ALLE AUTORITA’ INTERVENUTE IL 25.7.2004 AL DIBATTITO SU MARZAMEMI – PASSATO – PRESENTE E PROSPETTIVE FUTURE

On. Granata – Pres. Marziano – Arch. Muti – Dott. Barone – Prof. Sessa
Moderatore Pasquale ALIFFI (Comitato Pro Marzamemi)


Nelle giornate assolate d’inverno Marzamemi è ancora pace e tranquillità. Ma purtroppo per i residenti in estate si trasforma. Torniamo gli oriundi che qui abbiano le nostre radici, tornano i turisti nuovi e vecchi attirati dalle bellezze naturali del posto. Tornano in tanti ed iniziano i problemi per un paesino che scoppia.
Tralascerò i problemi di dettaglio che prima o poi l’amministrazione Comunale risolverà o ha già risolto (vedi la tanto agognata isola pedonale , dossi nelle strade del centro, scivolo per barche al porto fossa affinché si possa chiudere al traffico veicolare questo centro storico, l’arredo urbano, i bagni pubblici etc.) . Questa è ordinaria amministrazione.
Approfitto invece della presenza di 3 grosse personalità istituzionali affinché, ciascuna per la parte di competenza, colga l’appello che sto per lanciare, diretto anche alla folta deputazione Nazionale che abbiamo nella Provincia di Siracusa nell’elencare i problemi più importanti che purtroppo le Amministrazioni Comunali, presenti e passate non hanno saputo o potuto risolvere e di cui vale la pena soffermarci.
- Problema parcheggi – Un’isola pedonale che tutti vogliamo deve essere supportata e servita da diverse aree di parcheggi. Ebbene l’isola pedonale di Marzamemi si avvale soltanto di 2 posteggi di cui 1 a pagamento perché su terreno di proprietà privata ed 1 anch’esso di proprietà privata ma concesso gratuitamente al Comune sulla Pachino – Marzamemi. Non bastano!!! Pensate cosa succederà nel momento che quest’ultimo privato, per un qualunque motivo non dia più l’assenso per il suo terreno. Sarebbe un grosso guaio . Ed allora mi rivolgo al Vice Soprintendente di Siracusa. Troviamo tecnicamente una soluzione di comodo per autorizzare il Comune di Pachino, soltanto nelle ore serali e notturne, a servirsi di una parte del pantano che costeggia la strada Pachino Marzamemi come posteggio

- Problema fognario - La fatiscente rete fognaria “colabrodo” che in inverno funziona, in estate scoppia per la gran massa di gente cui deve servire e scoppia nei punti laddove facilmente si riversa nel canale del pantano per poi riversarsi nello specchio acqueo della balata, con il relativo fetore che un paese a vocazione turistica non può e non deve permettersi.

- Problema acqua – L’approvvigionamento idrico è un problema di vitale importanza sia in inverno ma soprattutto in estate dove alla penuria di risorse acquifere si aggiunge il consistente aumento della popolazione. Ogni anno si legge nei giornali di situazioni esasperanti, di acqua razionata, di motorini d’acqua che aspirano aria, di popolazioni costrette a fare la guerra dei poveri in attesa di accaparrarsi quel quantitativo che le Amministrazioni Comunali distribuiscono con autobotti nelle zone dove la rete idrica è fatiscente, di abusivi allacciamenti, di prioritarie forniture idriche alle campagne. Tutto questo è il bollettino di guerra di stagioni estive che dovrebbero essere all’insegna del turismo. Il turista rimane affascinato dai nostri eccezionali luoghi ma ricorderà con fastidio le notti insonni per approvvigionarsi d’acqua o per il fastidioso fischio di motorini d’acqua accesi durante la notte per il tentativo di approvvigionamento. Purtroppo tutto ciò è da terzo mondo e si scontra fortemente con le politiche di sviluppo turistico e con l’immagine di Isola felice che i nostri operatori turistici danno dei nostri luoghi. Presidente Marziano, in qualità di Presidente del Consorzio Ato idrico per la Provincia di Siracusa le inviai qualche mese fa una lettera simile nei contenuti a queste righe appena lette e mi permisi di suggerire quello che in tante altre Regioni d’Italia più all’avanguardia già succede e cioè l’irrigazione delle acque reflue depurate per le campagne e un dissalatore che affondando le sue pompe nell’acqua di mare dopo averla depurata possa far scoppiare le tubazioni d’acqua di tutti i Comuni con problemi idrici della zona Sud di Siracusa. Tutto questo consapevoli dell’alto sforzo economico e delle lungaggini burocratiche che tutto ciò comporta, anche se sicuramente per i tempi occorrenti, non sarebbe Lei a tagliare il nastro inaugurale della struttura, ma sarebbe sicuramente Lei ad essere ricordato come il Presidente Ato Idrico che avrebbe messo la prima pietra per una struttura di cui altri avranno un ritorno di immagine ed al fine di dare una speranza alla popolazione affinché all’inizio dell’anno 2010 non si parli più di emergenza idrica in questi Comuni a Sud della Provincia di Siracusa

- Lungomare Starrabba – Parlavamo prima della massa di gente che scende a Marzamemi nelle sere estive dalle zone limitrofe per rinfrescarsi, ebbene, sarà un bene sarà un male ma ogni anno la gente che attraversa la via Marzamemi,la strada di passeggio, diventa sempre più numerosa, sembrano delle onde contrapposte che si scontrano nei due sensi accalcate come sardine (i più educati chiedono permesso per passare, altri spingono) ed allora si ha bisogno di più spazio per passeggiare in un lungomare dove il prolungamento fino alla balata del già esistente pezzo iniziale della Piazzetta Starrabba (a suo tempo autorizzato da tutti gli Enti competenti) diventerebbe uno dei più belli e caratteristici lungomare del Sud. Tutto ciò non dimenticando però gli attuali concessionari demaniali per cui le Amministrazioni di competenza dovranno cercare paritarie e dignitose soluzioni alternative. Ma non dimenticando anche che la continuazione di quel lungomare farà triplicare la presenza di turisti e di conseguenza triplicare anche gli incassi degli esercenti attuali e di quelli nuovi che nasceranno.

E mi rivolgo infine all’Onorevole Granata che recentemente ha mostrato su un giornale una particolare attenzione per Marzamemi dicendo fra l’altro che è disponibile a vagliare proposte e suggerimenti. Le Proposte, i suggerimenti e la fattiva collaborazione con le Istituzione per la risoluzione di problematiche sono sempre state alla base dell’attività che il Comitato Cittadini Pro Marzamemi ha profuso (ne possono dare conferma sia l’Amministrazione Comunale di Pachino che il Presidente Marziano con cui si è collaborato per la problematica delle alghe da dare gratuitamente alle Aziende Agricole ed anche per il nascituro lungomare della Spinazza) e quindi, dicevo, spero che un eventuale tavolo tecnico di cui ultimamente si sente dire più spesso, non possa prescindere da una rappresentanza del Comitato di cui faccio parte. Penso a questo punto di aver messo un bel po’ di carne al fuoco per cui passo la parola al Sindaco per l’apertura ed i saluti di rito. Ho finito grazie

email del programmatore